Trasmettere esperienza

Rientrando a casa
nelle mie riflessioni sul/in/attorno a…
ripensavo a questa frase:

trasmettere esperienza.

Ora. io non ne ricordo assolutamente l’autore.
dovrei scartabellare e ricercare, e ritrovare la citazione e…

Pedagogia teatrale.

Insegnare. ma tu cosa fai? insegno teatro.
a non attori. a non professionisti.
Il confine è la linea acrobatica su cui si muove la nostra esperienza: perennemente in bilico sulle forze e sul tempo.
Amatoriale è una bellissima accezione “da amatore,da appassionato”, mutuata nel tempo a status di svilente dilettantismo: amatore, colui che recita possibilmente in parrocchia, tra scenari raccapezzati, con i camini dipinti, e quintaggi  in legno, abbelliti di passamaneria da tappezziere  del negozio all’angolo.
amatore – dilettante.un tempo si diceva di tutti quelli che non avevano avuto il privilegio di nascere,  e quindi recitare in fasce, in una Famiglia d’arte. amatori, dilettanti. potevi aver studiato, potevi aver mutuato la tua esperienza altrove, ma sempre eri e restavi dilettante. La linea di demarcazione poteva essere feroce: Figlio d’Arte, dilettante.

Indipendentemente dal talento, dalla passione, dall’esperienza.
Dilettante.
oggi vivaddio, il teatro, coriaceo e caparbio, conservatore ed autistico, ha mantenuto e mantiene la stessa ferocia indifferenza. poche realtà mettono a confronto dilettanti e professionisti. lo spartiacque è il segno della fragilità taciuta, con cui salvaguardare il proprio habitat di privilegio, il proprio personale orticello.

 

 

 

 

 

 

 

%d bloggers like this: